Scusate, ma è il periodo…

che con tutta l’overdose di calcio che ci si ciuccia tutto l’anno, tra scandali e tifosi che si menano e ammazzano, per una volta all’anno, lasciatevi assillare col rugby… ma perché, uno dice, ti ostini a vedere le partite di rugby che tanto si perde sempre? beh, gli album di paolini sono un motivo. poi c’è il libro il fango e l’orgoglio. poi c’è il fatto che è uno sport che è il più sportivo che abbia mai visto. nonostante le legnate che si danno. poi c’è che il gesto del singolo non conta se non c’è un compagno che ti copre il culo. poi c’è che comunque, anche se ti hanno appena steso, e sei più di là che di qua, devi subito rialzarti per andare a coprire il culo al compagno di cui sopra. Ruck e poi c’è la ràc. che è difficile spiegare cos’è, ma ci provo. c’è uno che corre con la palla in mano. quando viene tirato giù deve lasciarlo subito libero, il pallone, per poterlo rigiocare. a quel punto gli frana addosso mezza squadra avversaria e mezza sua squadra, di sostegno. quella è la ràc. la mezza squadra avversaria tenta di prendere il pallone, ma non è facile perché non puoi girarci attorno, alla ràc. ci devi arrivare da dietro, sennò sei in fuorigioco. e, anche, non puoi toccare la palla con le mani finchè è dentro il raggruppamento. quindi si tirano dei pestoni per cercare di farlo uscire dalla propria parte. e poi c’è la squadra di sostegno che difende il possesso e tenta di pulire il pallone. non nel senso di stracci e detersivi, ma nel senso che lo deve sgombrare da tutta la massa di gente che c’è sopra. e questo lo si fa spostando la gente di peso tipo gatti per la collottola. la mi scusi, prego, scusi, si può spostare? solo che non si parla. quando il pallone è libero, allora il mediano di mischia (se non è lui quello sommerso di gente) lo prende e lo rimette in gioco passandolo a un suo compagno. ecco. poi non so perché mi piace così tanto la ràc. per l’apparente caos, governato da leggi rigide, che tipo nel regolamento c’è una pagina intera solo per questo…boh. se qualcuno vuole scomodare lo zio sigmund… per la prossima puntata sono indeciso tra mòl e mischia. ditemi voi.

~ di G. su febbraio 14, 2007.

2 Risposte to “Scusate, ma è il periodo…”

  1. mi impressiona questo sport…ti ho dedicato un post…vieni?

  2. grazie grazie grazie

    da due anni vado al flaminio a veder perdere la nostra nazionale contro tutti, solo per la gioia di dire “è una rissa??? noooo, sono bimbi che giocano sulle gradinate durante l’intervallo”, per applaudire una bella azione (che solitamente ci porta in svantaggio), chiedere scusa subito dopo aver fischiato un avversario, e l’unica regola che fino ad ora avevo capito è quella del 3° tempo.. e tu adesso mi hai fatto capire la ràc! grazie.
    devota polena

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: