Zapatero, arriviamo!

berluschifo mi fa sconi

ho scelto il momento sbagliato per farmi torturare i denti. ieri sera era una serata da cibi antidepressivi, cioccolato fondente-extra morso a blocchi interi, chilate di pastasciutta. non yogurt.
una disfatta. e le analsi sono complicate da fare. e ho la testa stanca e confusa. nella batcaverna eravamo in 15 in una stanza tre per quattro. un tappeto umano attonito davanti alla tivvù, a lanciare cartacce ogni volta che appariva un brutto muso. ne abbiamo lanciato molte. i dati sono frastornanti. la sinistra fuori dal parlamento, la lega al 28% al nord, ci si consolava che genova ha tenuto. la liguria no. maledetto ponente. e, a proposito di ponente, ci sono cose che mi ha raccontato, con voce rotta dal pianto, il fraterno amico K. su un neo senatore in forza al pdl delle sue parti. cose che rendono ancora più fulgida la memoria del mai abbastanza compianto papà Luciano e che non posso scrivere, sennò rischio la denuncia, ma che mi hanno messo grande tristezza, e che dirò a voce a chi lo chiederà. e che sono segnale dei disonesti che siederanno nel prossimo parlamento.
e ora è il momento di aprire gli occhi, riordinare le idee, riorganizzarsi, vigilare. e reagire, in qualche maniera, scendere in piazza, ripartire dal basso, ricreare un’idea di sinistra che ci possa rappresentare in parlamento.
anche se barcellona è una città bellissima. e zapatero, malgrado somigli a mister bean, ha un sorriso simpatico. e lì la sinistra c’è, e tanto, e il paese cresce.
vedremo.

~ di G. su aprile 15, 2008.

13 Risposte to “Zapatero, arriviamo!”

  1. purtroppo la scena che si è vista ieri sera a casa di amici era la stessa. E alla fine ci siamo detti tutti “andiamo a barcellona”. Già molti nostri amici sono lì.
    Che delusione che depressione…

  2. pepina, che dire? è merda!
    spero vivamente che, alla fine, tu sia andata a votare, così come tutti i tuoi amici in casa, ieri sera. perché il primo astenuto che becco a lamentarsi, a calci nel culo. vero lo dico!

  3. e bravo, gipunto. che nessuno dice niente, neppure ora, ma che almeno tacciano, neh? per il resto, attonita è la parola giusta e continuo ad esserlo.

  4. guarda, gufo, i tuoi cremini mi stanno salvando la vita! 🙂
    riguardo agli astenuti, sì, meglio che tacciano. se sei stato zitto intanto che ti versavano il bicchiere di olio di ricino, allora vuol dire che ti sta bene. e quindi bevi. e taci. a noi dovranno cacciarcelo in gola con l’imbuto. e dopo si prenderanno i nostri sputi.

  5. uh g.
    se anoi ce viè pure alemanno sindaco, qui la sera me ritrovo pure li squadristi sotto casa:(
    speremo, per quel che ci avanza.

  6. Scusami se ti importuno, .g, ma ,anche se non ho votato (e se avessi potuto, l’avrei annullato), credo di avere comunque il diritto di protestare e uno dei tanti motivi lo capirai con questo commento che ho inserito sul blog di Don Zauker e che ti copio qui di seguito:

    “Volete sapere con che fantastica strategia politica il PD ha perso i senatori calabresi? Ve lo spiego in 4 comode rate:

    1) L’ammanicatissimo (diciamo così per non dir peggio) gov. Loiero voleva far inserire in lista in posizione privilegiata l’(attualmente) ex presidente della provincia di Vibo, Ottavio Bruni (DS)…

    2) Dario Franceschini e Marco Minniti hanno risposto “col cazzo” e hanno piazzato all’ultimo minuto in lista al senato una lombarda che qui non si è mai vista e nessuno conosce: Daniela Mazzuconi. Chi minchia è costei? Risposta: una democristiana lombarda laureata in lettere classiche all’univesità cattolica a Milano, appartenente ad azione cattolica, direttore o commissario di ogni istituto sanitario cattolico in Lombardia…avete capito, no?(volete vedere il suo bel faccione in una foto d’epoca quando fu eletta in parlamento con la DC? Eccovi, depravati: http://legislature.camera.it/chiosco.asp?cp=1&position=X%20Legislatura %20/%20I%20Deputati&content=deputati/legislatureprecedenti/Leg10/frame deputato.asp?Deputato=1d30060 )

    Non vi è bastato? Volete avere più notizie sul legame d’acciaio che stringe questa pia donna alla Ns. Santyssima chiesa? Siete proprio insaziabilmente osceni!…ma eccovi serviti di nuovo: http://www.pdcalabria.it/MAZZUCCONI.htm .

    3) Se già tutto questo non fosse bastato a far fuggire gli elettori, Loiero ha pure dato disposizioni di dirottare i voti a destra per fottere il PD.

    4) Il risultato è stato la rielezione in massa di tutti i più laidi politicanti calabresi destrorsi al senato…insomma, come il marito che per fare dispetto alla moglie, se lo tagliò.

    Con gente del genere, a cui non importa assolutamente niente di cosa accada al sud, ma lo sfrutta biecamente come un serbatoio di voti, come volete che si possa andare da qualche parte?

    …e non fatemi parlare della candidatura al primo posto del superprefetto (ma che cazz ha fatto?) De Sena…”

  7. si ho votato…

  8. @ al, scusa per il ritardo della pubblicazione del tuo commento, ma se ci sono dei link il sistema lo sbatte automaticamente in moderazione e ci impiego un po’ prima di poterlo vedere ed autorizzare…
    in ogni caso, capisco le tue remore a votare per un partito che presenta gente di merda. pepima ha avuto i tuoi stessi problemi in campania. però il discorso era un altro, magistralmente spiegato dall’amica E. nel commento che ho linkato un paio di post fa (nel quale spiegavo le mie ragioni al voto). la nostra pia illusione era poter scegliersi un governo a cui fare opposizione. per quanto orribili i canditati e poco condivisibili ampi stralci di programma io, personalmente, se vado in manifestazione, preferirei non ci fosse un neofascista a coordinare le forze di polizia (vedi giòtto). e per quanto di merda e clericali possano essere i candidati del piddì, non saranno mai al pari di, chessò, cuffaro e condannati vari. il problema dell’astensione è che così accetti tacitamente il voto di altri. il non voto per protesta è una cazzata. servono azioni più visibili, che non unirsi per protesta ad una sparuta minoranza di gente che se ne fotte sul serio. tanto le stesse persone di merda le eleggeranno altri al posto tuo. al di là del “voto utile” resta il fatto che, di questi tempi, il voto è importante. sempre. quali che siano i giusti e condivisibili motivi del tuo ribrezzo, consegnare il paese nelle mani dei porci che sono tornati al potere, beh, non mi pare ‘sta grande genialata. diventi zona grigia. non hai giocato. non puoi lamentarti se hanno vinto una partita alla quale non hai partecipato. se ti sei chiamato fuori, sei fuori e stai fuori.
    mi spiace se questa mia presa di posizione così radicale ti potrà suonare sgradevole. ma sono parecchio scombussolato, ancora. e il fatto che in tivvù continuino a paventare il fatto che diventeremo tutti terroristi, mi agita un po’.
    per inciso, dico ai signori della digos che ci stanno leggendo ora che non è mia intenzione sovvertire, evertire, o lottarmare contro lo stato. sono pacifista. e amo la democrazia. anche quella sfasciata di questo nostro paese.
    al massimo, espatrio.

    @ pepina: meno male!

  9. http://www.ryanair.com/site/IT/?culture=IT

    Andata e ritorno venti euri…

  10. Non ti preoccupare, .G, capisco i tuoi sentimenti e forse non mi sono spiegato bene.

    Io sono un pacifista anarchico (cosa apparentemente incresciosa per un avvocato e studioso del diritto) e nella mia vita di elettore ho sempre annullato la scheda spiegando doviziosamente per quali motivi l’attuale sistema di stato e pure i suoi attori principali non rappresentavano niente, ormai, se non loro stessi ed il loro desiderio di autoperpetuarsi (non ti dico la felicità degli elettori in attesa mentre io scrivevo il mio trattatello ad uso e consumo degli scrutatori). Questa volta, questo voto avrebbe concorso solo a mantenere in vita una finzione di democrazia: in effetti, poco mancava per assimilare queste ultime elezioni alle “farse elettorali” del ventennio fascista o delle dittature spagnole e portoghesi, per limitarmi a degli esempi che conosco.

    Nel 2006, unica volta nella mia vita di elettore, avevo espresso un voto “valido”, nel senso di “manifestato in maniera formalmente corretta”, perché volevo contribuire a contrastare il dominio dell’infame Berlusconi, ma cosa ne è stato fatto del mio voto? Ho alimentato una oligarchia di potere alternativa solo strutturalmente alla destra, ma non nel concreto svolgimento dell’azione di governo. Hanno tradito i loro valori, la loro storia ed i loro elettori…ancora una volta. Non sono spariti alle ultime elezioni dal parlamento, ma già da molto tempo.

    Come ti ho già scritto, non ho potuto votare e questo è successo perché la mia residenza è in Toscana, e sono stato trattenuto per impegni in Calabria, mia terra natia. Se avessi avuto occasione di farlo, avrei annullato la scheda come le altre volte: “consegnare il paese ai porci” è solo un lato della medaglia…ci sono pure i porci che sono stati finora al potere e non avrei consentito nemmeno a loro di perpetuarsi.

    Ho sempre partecipato a modo mio e mi sono sempre informato quanto più minuziosamente possibile sull’operato (legislativo) dei governi trascorsi…d’altronde, per un anarchico giurista conoscere le leggi è il primo passo per identificare il nemico. Per questo credo di poter contribuire con la mia voce alla protesta.

    Per quanto riguarda fascisti e polizia, puoi star tranquillo che non mancano nelle file del PD, basta che tu pensi al supermaxieroeprefettizio Luigi De Sena (eletto al senato nella mia terra, pur essendo campano, perché è un amico personale di Marco Minniti) ed al suo collega Achille Serra (eletto al senato in Toscana)…lo sapevi che quest’altro bel soggetto era già stato eletto nelle file di Forza Italia nel 1996?

    Potrei moltiplicare gli esempi, ma credo che quello che ho scritto finora sia più che sufficiente a dare la nausea. Spero che capirai i miei motivi…e, se ci troveremo fianco a fianco in una manifestazione (com’è facile che accada tra qualche tempo) vorrai accogliermi nella protesta con te.

    Infine, anch’io mi unisco al tuo appello alle forze dell’ordine in ascolto (o meglio: in lettura) e rilancio: MARESCIALLO, CUGGHJUNIAMU!

  11. Scusa se non ho atteso la tua risposta, .G, ma ho fatto un’altra agghiacciante scoperta e volevo comunicartela: tra i 4 candidati del PD che sono stati eletti al senato in Calabria c’era pure Dorina Bianchi. Chi era quest’altra illustre sconosciuta? Te lo dirò in due parole: Dorina Bianchi è stata eletta deputata per la prima volta nel 2001 con l’UDC, ed è stata la relatrice della l. 40 del 2004. QUESTA E’ LA LEGGE SULLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA, CAZZO!!! Quando c’è stato il tentativo con un referendum di intervenire sui contenuti di quella terrificante legge (nel 2005), lei ha svolto una intensa campagna pro-astensionismo…e infatti non è stato raggiunto il quorum! Se vuoi sapere cosa questo schifo umano dice di sè, basta vedere: http://www.pdcalabria.it/BIANCHI.htm .

    Se ti va, anzi, ti proporrei di estendere questa indagine anche alla tua regione: “Conosci i tuoi candidati”. Per trovare i dati non ci vuole nulla con internet e credo sia importante diffondere la conoscenza del laidume destrorso e cattolico che si annida nel PD…ops, ho detto annida? Scusami, intendevo dire che lo compone! I peggiori, alle volte, non sono tanto i condannati, ma queste pie dame e le loro leggi prone ai desiderata del Vaticano.

    Scusami per quest’ennesimo amaro sfogo. Fammi sapere!

  12. PUNTOGI! io sarei tornata…vediamo di aggiornare… 😛

  13. perfortunachesilvioce.wordpress.com
    Ciao
    Marco

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: