L’importanza dei Comizi

cetto-la-qualunque

c’è un mio carissimo amico che abita nell’entroterra, in quei posti un po’ scoffera, un po’ valfontanabuona e un po’ valtrebbia. lì i sindaci non fanno parte di alcun partito. sono tutte liste civiche. i candidati non fanno neanche campagna elettorale. o, almeno, la fanno all’osteria, al bar, alla bocciofila mentre son lì che parlano con gli amici. sono comuni da mille, millecinquecento anime. alcuni anche meno. nelle amministrative non c’entra quasi l’ideologia. lì si bada al pratico più pratico che c’è. se il sindaco fa una cazzata, gli vanno a suonare alla porta di casa. son paesi contadini, dall’età media piuttosto elevata. il rapporto che hanno con la pulitica, quella dei palazzi, è limitato alle bestemmie contro la regione e il comune che vorrebbero (o avrebbero voluto) piazzare lì l’inceneritore. questi paesi hanno anche un’eco molto forte, per i nostri cuori sinistri. erano monti partigiani, con battaglie, e azioni eroiche. insomma, roba nostra che i più anziani, che sono molti da quelle parti, dovrebbero ricordare. non hanno grandi problemi economici. direi che si sta piuttosto bene. insomma, contadini, ma anche piccoli imprenditori edili, commercianti di ardesia, trasportatori. gente anche coi soldi sotto il materasso, o investiti nel mattone.
ecco. alle europee, in molti di questi paesini la lega ha raggiunto percentuali bulgare. mi diceva l’amico che in alcuni seggi raggiungevano l’ottanta per cento. ottanta. uh. io non so se è proprio vero. su internet non trovo i dati divisi per comune. ma mi fido.
ottanta per cento.
questo mio amico ha anche chiesto, a chi gliel’ha detto, il perché del voto alla lega. voglio dire, lì non c’è immigrazione. gli unici stranieri possono essere due muratori che lavorano da quelle parti. insomma, pochi. e allora, perché? la risposta è stata piuttosto chiara, in dialetto: “sono gli unici che sono venuti a fare i comizi da noi. per due volte”.
prendiamo per buona quest’analisi. gente di campagna, anziana, con scarsa alfabetizzazione, che si è fatta il culo per anni e ora ha qualche soldino. non leggono libri o giornali. guardano la tivvù. in modo acritico, credo. e sappiamo quello che trasmette la tivvù. gli unici che vanno a far comizi sono i leghisti, e parlano una lingua facile, fatta di rutti e insulti e paura. loro non hanno mai visto un immigrato. non sanno come sono fatti se non per sentito dire dalla tivvù. e hanno paura, perché non conoscono. non hanno mai sentito una voce diversa. e votano lega. in massa. poche centinaia di persone, è vero. ma poche centinaia moltiplicate per altre centinaia di seggi e comuni, fanno qualche migliaio. qualche decina di migliaia. quanto può essere diffusa questa mentalità nelle comunità rurali? ora capisco perché a tiglieto, il paese che ha visto i giorni peggiori della mia adolescenza, paese rosso fino al midollo, dopo gli anni novanta hanno smesso di fare la festa dell’unità e hanno iniziato a fare la festa della lega.
allora mi viene da pensare che veramente la sinistra parli a sé stessa, nei salotti buoni, tra gente studiata. che tanto il contadino è ignorante. siamo snob. poi, vabbeh, immagino che non ci siano più tante risorse per andare a fare comizi su per i bricchi dell’entroterra.
mi piacerebbe, però, sapere se qualcuno ha accesso ai dati elettorali divisi per sezione. e sapere quanto voti ha preso la lega in posti dove la sinistra ha mai messo piede perché, forse, non sembrava utile. e sapere se qualcuno si sta prendendo la briga di analizzare se vale la pena, sbattersi a correre su per dei tornanti per diffondere un’idea antagonista all’odio e alla xenofobia del carroccio.
vi prego ditemi che non stiamo sbagliando tutto…

~ di G. su giugno 11, 2009.

Una Risposta to “L’importanza dei Comizi”

  1. VERAMENTE non siamo andati a fare i comizi nei paesi???
    Bisognerebbe trovare i dati, sì. E poi parlarne un po’. Che alle prossime elezioni io mi prendo su la macchina a mie spese e vado, se lo ro mi danno il materiale…

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: