Ritratto

burri

io, se in questo momento fossi negli anni 60 e, per caso, fossi anche amico di burri e, magari, a lui venisse l’uzzo di farmi un ritratto, ecco, credo sarebbe proprio uguale a questo cretto qui sopra. quando cammino faccio rumore di cocci rotti. alterno risate di cuore a salatissime lacrime. a volte mi faccio malinconia da solo, altre volte mi vedo bellissimo. è un po’ che va avanti. e andrà avanti ancora un po’, credo. fare delle scelte è una cosa molto difficile, soprattutto quando le scelte significano creare tutta una ragnatela di spaccature dolorosissime. fa male, ma sono orgoglioso di me. tutto spaccato, eppure bello. e le spaccature sono anche le lotte tra i miei partiti interni che litigano. ma ho un leader forte, in testa. il mio fidel che quando le mie cellule bisticciano, prende la parola. e la prende per quattordici ore. di seguito. e, alla fine, la storia mi assolverà. per ora, mi guardo allo specchio, piango e rido. un perfetto bipolare. gli amici ci sono tutti. ho fatto la conta. nessuno manca. pochi dicono qualcosa. quelli taciturni, mi giro e li vedo, e sorridono. prometto solennemente che queste saranno le uniche righe che scriverò a riguardo. confuse. come potrebbero essere, altrimenti? resisto alla tentazione di chiudere al pubblico causa restauri. un giorno rileggerò questo delirio e sorriderò. sicuro. per ora posso solo prendere con fatica la lunga strada che penso possa portare a quel sorriso. non ho la mappa. e neppure un navigatore. andrò a vista. per prove ed errori, come al solito. con ostinato rigore. con gli amici che mi tireranno fuori di casa a calci nel culo. che mi reggeranno la fronte quando il cibo non vorrà starsene nel mio stomaco e uscirà fuori mio malgrado. passerà. passerà. non so quando. ma passerà.

Annunci

~ di G. su luglio 20, 2009.

6 Risposte to “Ritratto”

  1. e ci mancherebbe altro che non c’è tutti, i amici.

  2. ma vedere Donne “amazzoni sulla luna” ti farebbe bene, ti farebbe? ci siamo, amico gipunto, promnti per il cineforum e altre fantastiche distrazioni, finchè non passa.

  3. Tu dirai: e questa chi e’? Sappi comunque che non solo ti seguo da un po’, ma in questo periodo (che pure per me dura da un pezzetto) mi sento esattamente come te. Si puo’ provare empatia per un perfetto sconosciuto? boh, io la provo. Coraggio, adda passa’ a nuttata!

  4. ma, mi sento in dovere di aggiungere, il tutto mi dispiace e non solo per te. ciononon, penso che se ti fa bene scriverne non devi pensare che rischi di scocciare i tuoi lettori, scrivine e basta.

  5. Beh, io aggiungo un commento come fare pipì in un angolo. Sono passata. E anche io penso che scrivere ti fa bene. E anche che passa. E anche che il fatto di aver preso una decisione ti fa onore e segna precisamente la strada fatta in questi anni.

  6. gli abbracci, amico :))) perfino dalla lombardia! 😛

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: