E tornar, tornar, tornaaaaaar…

e alla fine, per l’ultima settimana di progetto, sono tornato in abruzzo. fino a venerdì compreso. io e i miei nuovi pollici tatuati. accolti alla sera da un freddoporco, al mattino da un nebbione epico, dal campo notevolmente sfoltito. hanno tolto trenta tende. meno male, anche. ma intanto le 200 persone che stanno ancora qui non hanno la più pallida idea di dove verranno assegnate. caserme, probabilmente. che le case del gran buffone non sono sufficienti…
vedremo. intanto si respira un’aria di smoibilitazione. ma una smobilitazione strana. non felice di chi va star meglio. non saprei come definirla, perché alla fine non ho ancora parlato con nessuno. ma aleggia aria di incertezza. e, da queste parti, dove l’incertezza è regola di vita, insomma, non pare una bella cosa. intanto, con la scusa dell’ultima scossa, il nano o chi per lui, hanno fatto slittare la data di smantellamento delle tendopoli da fine settembre a fine ottobre. e ricomincia il balletto delle date. e si avvicina il freddo duro.
noi che si fa? noi si fa shiatsu. fin che ce n’è.

Annunci

~ di G. su settembre 28, 2009.

Una Risposta to “E tornar, tornar, tornaaaaaar…”

  1. Speriamo possa risolversi tutto per il meglio ed al più presto

I commenti sono chiusi.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: